Loading Attendere...
A.S.D. REAL SAN GIORGIO
REAL SAN GIORGIO – CRYOS: 0 – 6
REAL SAN GIORGIO – CRYOS: 0 – 6
News pubblicata il 12-03-2017
Il Real prende sei sberle dalla Cryos ma fortunatamente nella lotta per la salvezza cambia poco grazie ai risultati favorevoli provenienti dagli altri campi. Si è giocato su un campo duro, in una giornata soleggiata ma ventosa particolare che ha infastidito i giocatori.

Cronaca
Primo tempo equilibrato fino al 20° minuto con i padroni di casa che si sono fatti preferire per intraprendenza. Al minuto 22 il vantaggio ospite ha rotto gli equilibri e permesso alla Cryos di raddoppiare e triplicare.
5° punizione di Carrozzo dalla sinistra sul lato corto dell’area e bella respinta del portiere;
21° traversone dalla destra, Mandorino spizzica di testa e sul secondo palo, Moretti, tutto solo mette fuori a portiere battuto;
22° Castano scambia con Mandorino che gli ritorna il pallone, il numero dieci ospite, dal vertice sinistro dell’area piccola, batte Petrosino in uscita. Da evidenziare che l’azione del fantasista neroverde è stata viziata, inizialmente, da un fallo di mano non rilevato dall’arbitro: Real 0 Cryos 1;
26° palla filtrante per Pucci che, defilato sulla sinistra ma in ottima posizione, calcia al volo con il tiro respinto, provvidenzialmente, da un difensore avversario;
28° azione personale di Castano che sfugge sulla destra guadagna il fondo e mette in mezzo un pallone forte e teso che Vozza involontariamente devia nella propria porta; Real 0 Cryos 2;
35° Mandorino dalla destra mette al centro un cross che Galeone, in area, tocca con il braccio destro, il direttore di gara assegna il penalty. Decisione sembrata eccessivamente intransigente vista la vicinanza del braccio al corpo e la esigua distanza tra i due giocatori. Sul dischetto si porta Moretti che spiazza Petrosino e fa tris: Real 0 Cryos 3.
37° Carrozzo viene espulso per aver rivolto all’arbitro frasi ingiuriose dopo che lo stesso direttore di gara aveva invertito una punizione. All’intervallo con gli ospiti sopra di tre goal e Real sotto di un uomo.

Secondo tempo con il Real che ha accennato ad una reazione e la Cryos, in superiorità numerica, che ha controllato la gara e segnato altri tre goal.
22° punizione di Aprile dalla lunga distanza e palla di poco alta sulla traversa;
28° un Real scoperto si fa sorprendere da un contropiede ospite ben orchestrato, palla in area per Franchini che fortunosamente vince tre rimpalli, si porta la palla sul sinistro e batte Pedone: Real 0 Cryos 4;
31° calcio di punizione di Aprile e palla di poco al lato;
33° calcio d’angolo per la Cryos, palla in area, mischia e Aprile tocca in rete a portiere battuto: Real 0 Cryos 5;
40° ancora su calcio d’ angolo, Aprile trova la deviazione vincente: Real 0 Cryos 6.

La Cryos ha messo in mostra delle buone individualità ma soprattutto ha vinto la gara sotto l’aspetto tecnico. Le iniziative dei singoli e lo spietato cinismo hanno fruttato tre punti che hanno, verosimilmente, il sapore della vittoria nel girone (il Grottaglie ha perso a Statte). Il Real deve fare il mea culpa, dopo un inizio molto incoraggiante sono state commesse delle ingenuità ancora una volta costate care. Dopo il primo goal ha avuto un pò di sbandamento e poi si è spento senza reagire. Per quanto riguarda l’arbitraggio possiamo tranquillamente parlare di un direttore di gara piuttosto protagonista con un atteggiamento posturale indisponente e fastidioso che va oltre l’errore di valutazione del singolo episodio. Per quanto riguarda il calcio di rigore, nonostante il tocco di braccio ci sia, sarebbe stato utile valutarne la volontarietà e la posizione dell’arto rispetto al corpo e la dinamica del movimento del giocatore. Sull’espulsione, secondo il mio modesto parere, c’è stata eccessiva fretta nel decretarla visto che la frase ingiuriosa, probabilmente, non era rivolta al direttore di gara. Detto questo per il Real la salvezza è nettamente a portata di mano, deve fare almeno un punto in queste ultime tre partite considerando che due sono scontri diretti con squadre che, oggi, sono sotto in classifica.

Tabellino
Real San Giorgio: Petrosino (Pedone), Vozza, Galeone (Greco Alessandro), Carrozzo, Barile, Armentano, Signorelli (Russo), Dolente, Fanigliulo (Greco Antonio), Pucci (Zappatore), Galasso (Trooiai). All. De Bartolo.
Cryos:Ricci, Rollo, Aprile, Peluso (Masi), Boccadamo, Monteleone (Zito), Scanafili, De Siati (Del Vecchio), Mandorino, Castano (Franchini), Moretti. All. Calabrese. A disp. Bisignano, Solito, Sileno. All. Calabrese

Marcatori: 22°pt Caastano,28àpt aut. Vozza, 35°pt Moretti, 28°st Franchini, 31° e 40°st Aprile.

Ammoniti: Armentano (R), Monteleone (C)

Espulso: Carrozzo (R).

Arbitro Gianmarco Sorgente della sezione di Taranto

L’analisi di mister De Bartolo: “Avevamo iniziato bene e tutto mi rendeva fiducioso. Sul primo goal c’era un fallo di mano ma noi non possiamo fermarci in attesa di un fischio che non è arrivato. Il secondo goal un autorete per nostra sfortuna il terzo goal un rigore che poteva essere tranquillamente non dato. Poi l’espulsione di Carrozzo ha completato tutto. Nel secondo tempo non potevamo fare di più. Dobbiamo combattere in mezzo al campo, ad un certo punto abbiamo mollato. Loro sono più forti ma noi non siamo da 6 a 0. Per quanto riguarda l’arbitraggio preferisco non esprimermi. Sono rimaste tre partite e in queste tre gare dobbiamo fare almeno un punto se non dovessimo essere capaci di conquistare almeno un punto è giusto che retrocediamo.”